scritti politici

Français    English    Italiano    Español    Deutsch    عربي    русский    Português

Le compagnie aeree europee sotto il diktat di Israele
Messaggio inviato da EasyJet a un passeggero svizzero

Le autorità israeliani hanno inviato centinaia di nomi alle compagnie aeree dicendo loro di negare il viaggio alle persone nella lista.
A centinaia di persone sulla lista, che avevano prenotato i voli, sono state inviate lettere di cancellazione degli stessi da parte delle compagnie aeree, motivate dalla richiesta delle autorità israeliane.

9 luglio 2011 | - : Israele Lobbies Palestina

Ecco la lettera ricevuta il 7 luglio dal cittadino svizzero:

Original Message
Subject: Your easyJet flight to TLV on 08/07/2011
Date: Thu, 7 Jul 2011 19:33:11 +0000 (GMT)
From: easyJet Customer Services

Reply-To: easyJet Customer Services

Booking Ref :(...)
Caro M.

Ci dispiace informarla che le autorità di immigrazione israeliane ci hanno informato che sarà rigettato il suo ingresso in Israele e pertanto la sua riserva sul volo EasyJet 1525 per Tel Aviv il 08/07/2011 è stata cancellata. Per favore, non si rechi in aeroporto poiché le autorità dell’ufficio di immigrazione israeliano ci hanno dato istruzione di rifiutare la sua prenotazione.

Poiché stiamo agendo in base alle istruzioni delle autorità israeliane, non rimborseremo questo volo. Questo è stabilito nei termini delle condizioni di imbarco, art. 8.1(b), che stabilisce:

"Diritto al rifiuto dell’imbarco
(b) tale azione è necessaria per rispettare tutte le leggi, regolamenti o ordini di stati o paesi di provenienza o arrivo, incluse le leggi o i regolamenti relativi alle ’Advanced Passenger Information requirements’ (richieste di informazioni anticipate sui passeggeri)".

Comprendiamo il disguido che ciò può averle causato, e come gesto di buona volontà vorremmo offrirle un biglietto di viaggio per il valore di quello da lei pagato. Questo biglietto sarà valido per sei mesi e potrà essere usato in viaggi futuri con easyJet. (...)

Ci scusiamo per il disagio che le abbiamo creato ma le assicuriamo che stiamo lavorando in base alle istruzioni delle autorità di immigrazione israeliane, e che non siamo in grado di accettarla fino a nuovo ordine delle autorità.

Cordiali saluti,
easyJet Customer Services

Traduzione di InfoPal (09.07.2011):
http://www.infopal.it/leggi.php?id=18876

Testo originale in inglese (08.07.2011):
http://www.silviacattori.net/article1723.html

Sullo stesso argomento, si veda anche:
- “Il ’Big Brother system’ vince su libertà e democrazia”, di InfoPal, 9 luglio 2011.
- “Challenging Israeli apartheid — by plane”, di Mazin Qumsiyeh, The Electronic Intifada, 5 luglio 2011.